Ham Station IWHK (ex IW1CXZ)

Lo Shack


Antenne


Sota

Drm



Modi digitali


Radio pirata - Libro
Radio Pirata


Articoli



Home Page





Le novità della fiera Hamradio 2011


E’ stata la telegrafia e la sua implementazione radioamatoriale il tema principale dell’edizione 2011 della fiera Hamradio di Friedrichshafen. Appena entrati nella Hall principale della “messe” diversi pannelli, purtroppo tutti in tedesco, ci introducevano alla telegrafia e all’uso che continuano a farne i radioamatori per comunicare in tutto il pianeta. L’impressione principale di quest’anno era un minore afflusso sia di visitatori che di espositori (184 quest’anno) ma il comunicato finale emesso dalla Friedrichshafen Messe riporta 16300 biglietti emessi contro i 16800 dell’anno scorso. Personalmente mi sembra un numero troppo elevato e anche i venditori italiani confermavano il minore afflusso di acquirenti ma la fiera tedesca rimane comunque il miglior evento radioamatoriale dell’anno che spinge migliaia di radioamatori di tutto il mondo a raggiungere il lago di Costanza.

Dal punto di vista della presentazione di nuovo prodotti quest’anno lo stand che ha avuto costantemente la fila fuori e un nuovo enorme di visitatori non è stato quello di una delle solite ditte giapponesi ma bensì quello dell’americana Elecraft che ha portato in Germania il suo nuovo ricetrasmettitore portale Hf Kx3. Basato su un architettura Sdr questo nuovo modello ripropone il look and feel del noto K3 ma in una versione portatile da 10 watt ( il modulo 100 watt è opzionale) con la possibilità di estrarre i segnali IQ e visualizzali sul Pc. Sempre nello stand Elecraft era possibile testare il nuovo Kpa500 un amplificatore Hf a stato solido che si integra perfettamente con l’rtx K3. Per quanto riguarda le novità da Giappone la Yaesu presentava ai radioamatori europei come unica novità il suo lineare a stato solito Vl-2000 che permette potenze da 1,5 kw in Hf e 1 kw in 6 metri. Nello stand Icom invece, insieme ai due rtx Ic-9100 e Ic-7410 già presentati l’anno scorso l’unico prodotto nuovo era il portatile Uhf d-star ID-31E che si presenta come un prodotto molto innovativo. Si tratta di un portatile UHF D-Star da 5 watt di potenza con ricevitore Gps integrato e con un particolare sistema di menù di gestione e un piccolo joystick per la gestione dei dati e la possibilità di inserire una card di memoria micro SD per registrare la configurazione. Nessuna novità da parte della Kenwood che dava molto spazio ai due prodotti, il Ts-590 e il TH-D72E che l’hanno vista di nuovo tornare in modo attivo sul mercato radioamatoriale.

Grande spazio quest’anno hanno avuto quest’anno in fiera gli stand delle ditte che producono amplificatori lineari. Lo stand Acom è stato uno dei più visitati dove si poteva vedere il prototipo dell’amplificatore a stato solido HF 800s da 800 watt dal peso di soli 11 kg che sarà a breve disponibile sul mercato. Tanta potenza e tanti visitatori anche negli stand di Emtron e OmPower, che presentava l’unità di controllo remoto via internet per i suoi lineari e per l’italiana Spe che ha presentato il suo nuovo lineare a stato solido da 2 kw il 2K-FA (del peso di soli 27 kg..) sicuramente uno dei prodotti più ammirati dagli appassionati di Hf.

Dal punto di vista dei prodotti digitali nello stand di Wood Box Radio si è potuto provare il convertitore Fm+ che permette di ricevere la banda Fm sul ricevitore SDR Perseus e invece nello stand Wimo invece era esposto e attivo il nuovo ricevitore Hf NetSdr della RfSpace che per primo utilizza un’interfaccia ethernet per la connessione con il computer. La Winradio presentava invece la versione “pro” del suo ricevitore sdr WR-G33DDC Excalibur che permette ben 4 mhz di banda visualizzata in tempo reale e un funzione analizzatore di spettro attiva da 9 khz a 50 mhz. Per gli appassionati di modi digitali lo stand della SCS presentava per la prima volta i nuovi modem P4Dragon Dr 7800 che permettono l’implementazione dello standard Pactor 4 per la trasmissione dati in onde corte. Da segnalare poi la vera passione degli espositori della fiera e dei radioamatori per le canne in fibra di vetro, quest’anno almeno quattro stand vendevano praticamente solo questo prodotto e lo stand più affollato in questo particolare settore è stato quello dalla Dx-Wire che offriva incredibili accessori per allestire ogni tipo di antenna usando le canne in fibra.

Anche quest’anno alle ore 11.00 del sabato il team tedesco P56 ha lanciato dalla fiera un pallone radio amatoriale con diversi pay-load attivi su molte bande (hf, vhf, uhf e atv in 2.4 ghz) che è stato recuperato dopo cinque ore in italia da Diego IK3WUZ nel Parco Naturale Monte Corno in Alto Adige provincia di Bolzano. Nel complesso continua decisamente a valere la pena di farsi centinaia o migliaia di chilometri verso nord per raggiungere la fiera di Friedrichshafen, i migliori espositori continuano ad esserci ed è il posto ideale per mettere le mani sui prodotti radioamatoriali più interessanti.

Allo stesso tempo è il raduno più “denso” di radioamatori che ci sia: girare per la fiera e incontrare amici e corrispondenti con cui magari si è fatto solo un qso è qualcosa di unico e la birra di Friedrichshafen continua ad essere un perfetto “collante” sociale che ci fa trascorrere i tre giorni in fiera nel modo migliore. Quindi diamoci appuntamento alla prossima edizione della fiera, la 37esima, sempre nell’ultimo week-end di Giugno sul lago di Costanza.